Chi sono i grandi editori?

grandi
Grandi case editrici e piccoli editori, piccole case editrici e grandi editori.
Riflessione che nasce da un evento che non credo abbia precedenti nella storia dell’editoria italiana: l’editore Guaraldi regala tutti i suoi classici in versione cartacea ai licei che li distribuiranno gratuitamente agli allievi.
Fonti:

Gli ebook, il Ddt, e un vero grande editore
Un gesto d’amore verso il libro

Didattica online: La Storia e i cattivi esempi.

Ovvero come non si devono realizzare siti didattici.

storia900

Parliamo di un corso di storia realizzato dal Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Torino con il sostegno della Fondazione per la Scuola della Compagnia San Paolo.

Il corso è stato anche pubblicato da la Repubblica.it e così recensito:

220 pagine di testo, oltre 500 immagini, un’incalcolabile serie di contributi sonori e 4mila link che aiutano a entrare nella storia del secolo senza muoversi da casa. Il tutto ispirato ad una sorta di manifesto programmatico: “L’obiettivo – spiega Lorenzo Caselli, presidente della Fondazione – è quello di sostenere le scuole italiane nel difficile cammino dell’autonomia e rappresenta un contributo per aiutare gli studenti a leggere criticamente ciò che del passato è incorporato nei fenomeni che ci circodano e, allo stesso tempo, a rendere più esplicito il legame tra storia e identità collettiva”

Ma non è tutto oro quello che luccica.
Il sito sembra vecchiotto (pare una di quelle robe in flash che andavano di moda sette o otto anni fa) ma è stato realizzato tra il 2006 e il 2007. Peccato perché un sito didattico dovrebbe essere “sempreverde” e, quindi anche potenzialmente aggiornabile (e questo non lo è).

La storia del Novecento è divisa in due sezioni:
I “totalitarismi” 1914-1945 e La “mondializzazione” 1945-1989.
Pur essendo diviso in moduli, sottomoduli e nodi tematici, il livello di approfondimento non è certo alto e lo sviluppo non è esauriente.
Il teoria potrebbe essere un buon punto di partenza per una dimostrazione in classe sulla ricerca delle fonti in rete, ma anche da questo punto di vista è un’occasione persa: le risorse esterne alle quali i link rimandano non sono scelte con cura, le fonti non sempre sono chiare.
La scelta di utilizzare flash per realizzare questo sito non ha giustificazione, e il suo utilizzo primitivo ne ha limitato molto la struttura, la navigazione è delirante e dispendiosa, i contenuti degni di un bignami.
Ma, essendo in flash, neppure uno studente lavativo può usufruirne: il copiaincolla per la ricerchina dell’ultimo momento non è possibile.
Insomma, risorse (tempo, soldi) sprecate.

Il mondo impazzisce per gli e-book

Il mondo cambia, gli editori ringhiano e la sinistra scavalca a destra.
Che i grandi editori, vedendosi minacciati dalle nuove tecnologie e dalle nuove emergenti realtà, si mettano a sproloquiare ringhiando cose alle quali non crede nessuno… bè, passi.
Che i giornali, legati a filo stretto, pubblichino i loro sproloqui… bè, passi.
Ma che la Garavaglia, sinistro* ministro ombra della Stella, se ne esca con un commento che più di destra non si può… bè, no pasarán.

Riferimenti:

Gli editori che sproloquiano sul sole24ore
La legnata di Gattopazzo.
I commenti su Simplicissimus.

La Garavaglia impazzita.
La denuncia di Simplicissimus
Lo scoramento di Gattopazzo

*La Garavaglia proviene da Democrazia Cristiana.

Osservatorio permanente… in sonno.

Io non so da chi sia finanziato (immagino dai soci dell’AIE, spero non con denaro pubblico), ma l’Osservatorio Permanente Contenuti Digitali è presentato sul sito dell’AIE così:

Il sito dell’Osservatorio permanente sui contenuti digitali fondato da AIE, AIDRO, FIMI, CINECITTA’ HOLDING e UNIVIDEO: una fotografia completa del mercato sul nuovo modo di fruire cultura e intrattenimento

Nell’home page (cliccare sull’immagine per ingrandire) c’è l’ultimo comunicato stampa che riporto:

Il 52% degli italiani non usa internet

Il 52% degli italiani non usa internet e solo il 31% è all’avanguardia tecnologica.
Oltre al digital divide cresce anche nel paese il cultural divide, aumenta il numero di chi, quasi 9 milioni di italiani, utilizza le tecnologie come sistema di comunicazione e di svago, mentre è ancora in minoranza chi usa con consapevolezza gli strumenti più creativi ed evoluti del Web 2.0
E questa sembra essere la direzione anche per il futuro.
È quanto emerge dall’indagine commissionata dall’Osservatorio permanente contenuti digitali ad ACNielsen e presentata oggi a Roma.

Peccato che sia datato 5 giugno 2007.

Sull’home page si legge anche:

Come si accede allora ai diversi contenuti?
Come cambiano nel tempo le abitudini di utilizzo?
Cosa va di moda oggi?
E cosa andrà di moda domani?
Al centro dell’attività di monitoraggio dell’Osservatorio ci sono le dinamiche sempre più complesse e rapide dei comportamenti di accesso (e utilizzo) dei contenuti editoriali nelle loro relazioni con le tecnologie digitali.

Meno male che qualcuno ci pensa.
Una volta all’anno, forse.

Kindle? No, grazie.

kindle.jpg

Amazon commercializza un lettore di testi digitali che presenta alcune novità rispetto ai prodotti già esistenti sul mercato, ma non sono, a mio parere, innovazioni che possano smuovere l’interesse verso questo tipo di tecnologia.
Questo oggetto, infatti, si propone di diventare l’iPod dei libri e tramite questo dispositivo si possono acquistare 90.000 titoli in formato elettronico a 9,99 dollari. In inglese, ovviamente, quindi noi non saremo certo un mercato interessante. Ma quello che non lo rende appetibile è il modo maldestro di affrontare l’annosa questione dei formati: è infatti vincolato ad un formato (DRM, proprietario) penalizzante: i pdf, per esempio, non li legge.
Chi è interessato alla questione dei formati può leggersi il post sulla Mondadori e i “libri pacco” dove avevo già sollevato il problema, agli altri basti la domanda: perché devo spendere 400 dollari (399) per poi poter leggere solo i testi acquistati da Amazon*?
Dovremo ancora aspettare un po’ prima di poter posare gli occhi su un lettore sicuri che non ce ne costi uno.
E poi questo ha un design trogloditico e, si sa (apple insegna), anche l’occhio vuole la sua parte – specialmente se dobbiamo spenderlo.

*+ giro su wikipedia offerto dalla casa, mentre per leggere i blog si paga °_°

Mondadori e libri “pacco”

mondadori.gif

Nel post precedente ho promesso che avrei scagliato un altro anatema.
Devo confessare che questa volta lo faccio più volentieri (deducete pure).
Andiamo a parlare di libri gratis, di testi che non sono più soggetti a diritto d’autore e che, quindi, in rete si trovano facilmente.
La Mondadori ha messo a disposizione degli utenti una manciata di testi da scaricare gratuitamente.
Il problema è il formato: sono dei *.lit e la scelta è quantomeno discutibile perché è un formato che chi non usa piattaforme microsoft non può leggere.
Il punto *.lit è un formato proprietario tanto quanto il *.pdf (adobe) ma, a differenza di questo, deriva da un formato open, il *.oeb.
Il reader è gratuito per tutti questi formati, ma il *.pdf è decisamente più diffuso e più utilizzato e leggibile anche da mele e pinguini.
Ci sono strutture (in particolare universitarie) che scelgono di utilizzare il *.lit proprio in quanto derivante da un formato open, facendo quindi una scelta apparentemente sociale/politica.
Scelta assurda, e falsamente ideologica, perché per appoggiare un formato open (che open non è più), si costringe la gente a utilizzare win e non il pinguino.
La Mondadori, invece, non ha nessun motivo ideologico per appoggiare l’open.
GIà stupisce che conosca la parola “gratuito”. E forse ha scelto il formato *lit proprio per il motivo opposto: appoggiare microsoft.
Ma forse no. Francamente mi è più facile pensare che sia una non-scelta dovuta a ignoranza e pigrizia… avranno avuto l’idea di metter su qualcosa per attirare allodole e avranno chiesto al primo smanettone di turno in ufficio di digitalizzare una decina di testi e “metterli su”: perché sprecare energie e soldi per qualcosa che non rende?
Anzi, se qualcuno pensa che i testi scaricati gratis siano “un pacco”, meglio, la prossima volta pagheranno più volentieri! 😀
Molto più seri quelli di liber liber che, pur non avendo alle spalle i capitali che ha la Mondadori, anzi, si basano sul volontariato, offrono i testi digitali in formati diversi, e ci spiegano pure cosa sono.
Per liber liber la libera diffusione dei contenuti è evidentemente la priorità, e si scannino pure gli altri con le imbecilli battaglie ideologiche o di mercato sui formati.

RAI: la nuova frontiera… dei cimiteri digitali.

rai2.jpg

Che sia ben chiaro: con questo post non mi schiero contro il servizio pubblico.
Per par condicio in questi giorni scaglierò un altro anatema.
Per oggi la storia è questa: ficcanasando nelle biblioteche digitali capito qui.
Mmmm… menù ricco mi ci ficco, penso.
E penso male.
Gli articoli pubblicati risalgono quasi tutti a 10/12 anni fa.
Io sono andata a vedere “editoria elettronica” e “Bambini e tecnologie della comunicazione“: gli articoli più recenti risalgono al 1999.
In “Ipertesti” e “Giornalismo” ce ne sono un paio del 2001… tutto il resto è roba del secolo scorso.
In compenso, un refresh si e uno no, mi compare il banner RAI, che mi invita a scoprire le nuove frontiere del servizio pubblico.
Queste cose – e in rete ce se sono tantissime – mi sanno di progetti iniziati con finanziamenti pubblici e abbandonati quanto prima, una volta rendicontati. Paese di poeti, navigatori e santi gabbati.